Una compagnia di giovani attori napoletani diretta dal Maestro Luigi De Filippo. Unica nel suo genere, si occupa soprattutto di far conoscere al pubblico delle nuove generazioni le commedie più significative del Teatro dei De Filippo, Eduardo, Peppino e Luigi. All’occasione rappresenta anche opere di Luigi Pirandello, oppure classici di Molière, com’è accaduto di recente per “Il Berretto a sonagli” oppure per “L’Avaro”. Due splendidi successi di Luigi De Filippo protagonista e regista. Luigi De Filippo, illustre protagonista delle nostre scene, porta in palcoscenico la sua esperienza e soprattutto l’insegnamento ricevuto dai suoi Maestri, ci spiega che cos’è il Teatro secondo la famiglia De Filippo: “E’ il racconto della lotta quotidiana che fa l’uomo per dare un senso alla propria esistenza.”
Teatro vuol dire raccontare con ironia e umorismo la commedia umana. Ogni sera che in teatro il sipario si leva sui suoi spettacoli, Luigi De Filippo riceve un premio, il più importante per un attore, l’applauso e il consenso che gli dimostra il pubblico che affolla i suoi spettacoli pieni di umorismo e comicità napoletana, che raccontano una Napoli dignitosa e poverella che non chiede pietà ma giustizia. Una Napoli che non smette di sperare sempre in un domani migliore. Mai rassegnazione. Con protagonisti sempre in lotta per affermare la propria dignità.
Luigi De Filippo, come uomo di Teatro, si augura che le emozioni suscitate da questo tipo di teatro possano aiutare a far capire ai giovani l’importanza che rivestono l’Arte, la Cultura e il Teatro non solo come manifestazioni artistiche ma anche come momento di riflessione e quindi formativo. Forse un giorno Luigi De Filippo si deciderà (come molti chiedono) a dirigere a Roma una sua scuola di Teatro. Un laboratorio teatrale che insegni ai giovani che lo frequentano l’importanza del Teatro di Eduardo, Peppino e Titina De Filippo, che ha oltrepassato i confini di Napoli diventando universale.